Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare BRC - Le principali non conformità

26 Luglio 2016
26 Luglio 2016, Comments 0

Cresce ogni anno il numero di aziende nel settore alimentare che decidono di certificare un Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare secondo lo standard BRC. Lo standard permette alle aziende di controllare in modo più puntuale la sicurezza nella produzione del cibo, garantendo ai consumatori un maggior rispetto dei loro desideri e necessità.

DSC_7740

Annualmente il report Food Safety – A global view sintetizza alcuni punti chiave, sulla base della vasta quantità di dati  e informazioni raccolta nel corso degli audit per l’ottenimento della certificazione BRC in tutto il mondo.

Tra i dati più interessanti per le aziende figura senza dubbio l’elenco delle principali non conformità, che restituisce un quadro di base dei principali miglioramenti che devono affrontare le imprese nell’ottica di una certificazione:

  1. Documentazione delle procedure di pulizia
    Procedure documentate e archivi monitorati consentono di pianificare adeguatamente le attività di pulizia dei siti produttivi
  2. Manutenzione delle porte
    Le porte esterne degli stabilimenti produttivi non devono essere aperte, se non in casi di emergenza. Tutte le porte devono essere mantenute in ottime condizioni e adeguatamente impermeabilizzate
  3. Processi di controllo chimici
    La prevenzione della contaminazione chimica deve essere garantita attraverso processi specifici e best practices
  4. Progettazione e installazione delle apparecchiature
    Le apparecchiature dei processi di lavorazione del cibo devono essere costruite con materiali appositi per facilitarne manutenzione e pulizia e utilizzate in modo da minimizzare il rischio di contaminazione del prodotto
  5. Documentazione delle procedure per l’utilizzo di materiali fragili
    La sicurezza nell’utilizzo, la pulizia e la sostituzione di vetro e altri materiali fragili deve essere garantita attraverso procedure e best practices
  6. Identificazione delle materie prime
    La tracciabilità di tutti i lotti di materiale prodotto deve essere assicurati in ogni passaggio di produzione e trasporto, identificando le materie prime, inclusi i materiali primari e non primari utilizzati nei processi produttivi e di confezionamento
  7. Muri
    Le pareti degli edifici devono essere rifinite e conservate al fine di prevenire l’accumulo di sporcizia, condensa e muffa, e facilitarne la pulizia
  8. Controllo della documentazione
    Devono essere implementati sistemi di controllo efficace della documentazione per assicurare che i documenti corretti e aggiornati siano sempre disponibili e in uso
  9. Soffitti e spazi sopraelevati
    I soffitti e gli spazi sopraelevati devono essere rifiniti e oggetto di manutenzione per prevenire il rischio di contaminazione del prodotto
  10. Procedure di stoccaggio
    I siti produttivi devono adottare procedure documentate per assicurare la sicurezza e la qualità del prodotto durante la fase di stoccaggio

 

Il supporto dello Studio Poligeo parte dall’analisi dei rischi principali legati al sistema produttivo e prosegue attraverso l’implementazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare, fino alla certificazione con un ente accreditato. Consultate i nostri esperti per maggiori dettagli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.